You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Il nostro continuo impegno per raccontare la sostenibilità di Valagro

Da circa 40 anni Valagro aiuta gli agricoltori ad ottenere il meglio dalle loro produzioni ottimizzando l’uso delle risorse e degli input di produzione con un unico obiettivo: quello di creare un futuro sostenibile per le persone e l’ambiente. Un obiettivo, questo, che non può essere realizzato senza una coerenza di fondo che caratterizza non solo le soluzioni offerte al mercato globale, ma anche i processi di produzione e la cultura aziendale.
Il Bilancio socio-ambientale (o Sustainability Report) è uno strumento utile che ci aiuta a raccontare, anno dopo anno, il nostro impegno, coerente e costante, per la sostenibilità; è un atto di responsabilità verso la comunità più ampia nella quale operiamo e con la quale auspichiamo di coltivare una cultura sempre più rispettosa dell’ambiente e attenta ai bisogni della collettività.

I dati illustrati nel resto del documento si riferiscono ai risultati ambientali, economici e sociali di Valagro SpA.

Il Gruppo Valagro in numeri

 

Un anno importante per Valagro

L’entrata in Syngenta Crop Protection

Il 2020 ha costituito una “seconda nascita” per Valagro: ad ottobre, il Gruppo è entrato a far parte di Syngenta Crop Protection, leader mondiale nell’innovazione in agricoltura.

Con questa sinergia, in cui Valagro rimane brand indipendente, si apre un capitolo importante per le due compagnie, che uniranno il loro impegno e la loro esperienza per rispondere insieme e con maggior efficacia alle necessità dell’agricoltura del futuro. In questo nuovo scenario, Valagro sarà in grado di rafforzare il suo impegno nel campo dei Biologicals e potrà offrire agli agricoltori una gamma ancora più ampia di soluzioni innovative che garantiscano qualità, produttività e insieme sostenibilità.

Valagro e Syngenta Crop Protection non condividono solo la missione di un futuro sostenibile per l’agricoltura, ma anche un comune approccio basato sulla centralità dell’innovazione tecnologica. Per perseguire un ideale di sostenibilità che non sia solo ambientale, ma anche sociale ed economica, occorre guardare oltre le soluzioni che sono già state sviluppate e proporne di nuove, migliori, che facciano leva sull’innovazione e che tengano conto delle sfide del futuro.

Proprio per questo, le due compagnie hanno deciso di unire le forze nel nome di una nuova idea di agricoltura, che possa rispondere con efficacia alla richiesta sempre maggiore di cibo e che sia in grado di garantire allo stesso tempo il benessere dell’ambiente.

Due compagnie, un solo team: è con questo approccio che Valagro e Syngenta Crop Protection si propongono di affrontare il futuro, unite dal desiderio di contribuire insieme alla costruzione di un mondo più sano, vivibile e responsabile.

 

I 40 anni di Valagro e l’inaugurazione del Polo di Ricerca

Nel 1980 Giuseppe Natale (l’attuale CEO) e Ottorino La Rocca (co-fondatore ed ex presidente), nel dar vita alla realtà di Valagro, hanno sognato un futuro sostenibile per le persone e l’ambiente. Nel 2020, a 40 anni dalla fondazione di Valagro, non solo abbiamo compreso che questo futuro può essere una realtà, ma sappiamo di essere sulla buona strada verso la sua realizzazione.

 

Nel 2020 Valagro ha festeggiato i suoi primi 40 anni di attività: 40 anni di impegno, di crescita, di ostacoli da superare ma anche di grandi innovazioni. Oggi Valagro è un’azienda leader nella ricerca, produzione e commercializzazione di biostimolanti e specialità nutrizionali, con 13 filiali presenti in tutto il mondo, ma alle sue origini c’è lo stesso sistema di radici che la ha sempre alimentata: al centro ci sono le persone e il loro benessere – benessere che è inseparabile da quello dell’ambiente.

 

Le misure di sicurezza adottate a causa dell’emergenza Covid-19 non ci hanno impedito di celebrare la ricorrenza, che è stata festeggiata con un evento in modalità online dal titolo “Creare il futuro. Dal 1980” insieme a dipendenti, clienti, autorità e opinion leader nazionali e internazionali.

 

In questa occasione, Valagro ha ufficialmente inaugurato il suo nuovo Polo di Ricerca. 3.600 mq di superficie coperta che ospitano complessivamente 12 laboratori, una camera di crescita, conference room e aule didattiche, magazzini, e inoltre più di 1.000 mq sul piano di copertura dell’edificio dedicati alle serre, dotate di tecnologie all’avanguardia e suddivise in 4 compartimentazioni (Agronomia, Fisiologia, Patologia, Area Spray): questi sono i numeri dell’avveniristica struttura che sorge presso la sede principale del Gruppo, in Abruzzo. In questi ambienti i team del Dipartimento Global Research di Valagro condurranno attività di ricerca e sperimentazione nel settore chimico e di formulazione, nel campo della microbiologia, della fisiologia vegetale e in quello delle “scienze omiche” e dell’agronomia, supportati dall’applicazione di approcci computazionali e di bioinformatica, per lo sviluppo di innovative soluzioni nel settore dei Biologicals, che comprendono i biostimolanti, i biofertilizzanti e i prodotti per il biocontrollo.

 

Il neonato Polo di ricerca fornisce un potente impulso al rafforzamento di GeaPower®, la piattaforma tecnologica proprietaria di Valagro dalla quale nascono le sue innovative soluzioni per le colture, con la quale Valagro aspira a soddisfare le esigenze degli agricoltori di tutto il mondo di ottenere raccolti abbondanti e di qualità, ottenuti in maniera più sostenibile. Ma non solo: l’ambiente collaborativo e aperto del Polo favorirà la creazione di un vero e proprio ecosistema di innovazione con i partner esterni, rafforzando l’approccio all’open innovation che da sempre caratterizza la ricerca di Valagro.

 

Le nostre attività contribuiscono principalmente a questi Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (UN Sustainable Development Goals):

 

Il nostro impatto ambientale

Premessa

Come indicato nelle precedenti versioni del Bilancio Socio-Ambientale, per interpretare correttamente gli indicatori relativi all’impatto ambientale delle attività di Valagro SpA, occorre considerare il rapporto tra tali indicatori e il valore della produzione.

Rispetto al 2019, nel 2020 la produzione registra un incremento del 6% circa; contestualmente prosegue l’impegno dall’azienda per continuare a migliorare gli indicatori relativi all’impatto ambientale.

Un’analisi più approfondita è disponibile all’interno della dichiarazione EMAS – Eco-Management and Audit Scheme consultabile sul sito Valagro, nella pagina Certificazioni.

 

In evidenza

Rifiuti

In seguito alla razionalizzazione degli acquisti per selezionare fornitori che riescano a garantire forniture prive di imballo (in silos, cisterne, o con imballi a rendere totalmente riutilizzabili), si riscontra una stabilizzazione delle quantità totali di rifiuti generati, sintomo che l’opera di miglioramento è riuscita nell’obiettivo di diminuire le quantità di rifiuti prodotte per Tonnellata di fertilizzante realizzato.

 

Emissioni di Metalli  

Per quanto riguarda le emissioni in atmosfera, nel 2020 si osserva che le quantità di metalli emessi per tonnellate di produzione si conferma stabile pur essendo aumentata la produzione. Questo grazie a  rilevatori triboelettrici che migliorano la verifica di eventuali perdite dalle maniche filtranti; inoltre l’utilizzo di materie prime selezionate e la continua ricerca di prestazioni ambientali più elevate hanno l’obiettivo di ridurre il più possibile le emissioni in atmosfera. Anche nel 2020 l’emissione di metalli ha rappresentato un target significativo che l’azienda è riuscita a gestire in modo corretto.

SOV – Sostanze organiche volatili (II - III – IV)

Dal punto di vista delle emissioni delle sostanze organiche volatili (fenolo, alcool isobutilico e acetato di isobutile), è importante notare che il loro valore è influenzato dal mix produttivo. Nel 2020 sono stati riscontrati dei valori in aumento per il SOV IV che risultano comunque al di sotto dei limiti autorizzati. Questo è dovuto all’emergenza COVID-19, che nel primo semestre del 2020 ha causato una variazione del mix produttivo: questo è infatti stato spostato verso prodotti con utilizzo di SOV IV.

Energia termica

L’energia termica rappresenta uno dei principali fattori critici all’interno dei processi produttivi aziendali. Nel 2020 si assiste ad una riduzione dell’indicatore di energia termica (TEP/Ton PF) e ciò è dovuto ad uno spostamento del mix produttivo a favore di prodotti meno energivori. L’utilizzo dell’impianto di cogenerazione  all’interno del processo produttivo ha reso  più efficiente i processi in cui sono presenti forti utilizzi di calore di processo.

Energia ed Emissioni di CO2

Attualmente l’impianto di cogenerazione rappresenta un pilastro fondamentale per l’ottimizzazione del consumo di energia di Valagro SpA: la sua installazione ha permesso di aumentare la produttività degli impianti soprattutto in fase di essiccazione, sfruttando la capacità di trattare tutti i semilavorati provenienti dai reattori e garantendo così standard produttivi elevati. Oltre alla capacità termica l’impianto garantisce circa 400 kw di potenza elettrica: ciò ha consentito di ridurre la quota di energia elettrica acquistata dalla rete e di ottenere un'efficienza globale di processo (elettrico e termico) superiore al 85%.

Prelievo di acqua

Valagro ritiene che l’acqua sia un bene primario indispensabile e prezioso. Proprio per questo, si cerca di minimizzare il consumo di acqua da rete idrica attraverso un sistema di raccolta e utilizzo anche dell’acqua piovana per usi tecnici. Nel 2020 si riscontra un aumento del prelievo di acqua dovuto principalmente all’aumento della produzione di prodotti in forma liquida (in particolare i biostimolanti). Non ultimo, le scarse precipitazioni piovose dell’anno 2020 hanno determinato una minore disponibilità di acqua piovana.

 

In primo piano: la nostra impronta in agricoltura

Monitorare le emissioni di CO2 legate alla produzione delle sue soluzioni rappresenta per Valagro un impegno concreto che consente all’azienda di limitare l’impatto ambientale rendendo le produzioni agricole di fatto più sostenibili e di qualità. Proprio con questo obiettivo Valagro ha intrapreso iniziative (ancora in corso) volte alla certificazione della Dichiarazione Ambientale di Prodotto (in inglese Environmental Product Declaration, EPD), per quantificare e descrivere l’impatto ambientale relativo al ciclo di vita dei suoi prodotti.

Quella della produzione di cibo sano per un mondo sano è una sfida nella quale Valagro crede fortemente, e oggi questo impegno assume rinnovato valore grazie alla strategia Farm to Fork (F2F), pietra angolare del Green Deal europeo. In linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite citati all’inizio di questo report, e grazie ad azioni specifiche che riguardano tutta la filiera, dall’agricoltura fino al modo in cui vengono etichettati gli alimenti, la strategia F2F intende promuovere la transizione verso un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente a livello globale, attraverso le politiche commerciali e la cooperazione internazionale tra Europa e Paesi terzi.

Le soluzioni Valagro, comparate a gestioni standard in riferimento ai soli piani di concimazione, presentano valori più bassi di emissione di CO2. Questo è da mettere in relazione sia con i quantitativi inferiori di prodotto utilizzato, sia con l’efficacia dei prodotti Valagro.

La comparazione delle emissioni delle due tipologie di prodotto è puramente indicativa. I due approcci non sono da intendersi come alternativi ma come complementari.

 

Focus sulle soluzioni

Il lancio di Talete sul mercato 

Talete, l’innovativo biostimolante Valagro presentato nel novembre 2019 in occasione del 4° Congresso Mondiale dei Biostimolanti, è stato lanciato sul mercato in Italia, Spagna, Messico e Colombia all’inizio del 2020, con una serie di incontri aperti a distributori, tecnici e produttori agricoli in diverse località nei quattro Paesi.
Talete è l’innovativa soluzione che nasce dalla piattaforma tecnologica GeaPower per aumentare la Crop Water Productivity, ovvero garantire l’incremento di resa produttiva o economica per ogni unità di acqua utilizzata nella produzione agricola. Il fine di Talete è quello di promuovere una produzione sostenibile in condizioni di adeguata disponibilità di acqua e in condizioni di scarsità permanente o temporanea. 

 

Le nostre sedi in Italia e all’estero

Atessa - Headquarters

Negli Headquarters di Atessa nel corso del 2020 sono state portate avanti alcune migliorie volte all’ottimizzazione degli input di tempo e risorse, oltre che in una generale ottica di attenzione alla sostenibilità:

  • Adozione di una nuova strategia per la definizione della car list aziendale in un’ottica di attenzione alle emissioni: sono stati scelti dei modelli al di sotto di un massimale di soglia di emissioni di CO2, e in tutte le fasce è stato inserito almeno un modello di auto ibrida, plug-in o elettrica. 
  • Potenziamento del processo di digitalizzazione attraverso l’implementazione di nuovi moduli in Gamma (per l’allegazione di documenti evitando il cartaceo), della firma elettronica, e del MES, sistema per la gestione e controllo della produzione, per una generale digitalizzazione delle documentazioni e una maggiore possibilità di automazione dei processi.
  • Potenziamento della rete e degli strumenti per agevolare lo smartworking.

Atessa - stabilimento

  • Installazione di un nuovo scrubber (abbattitore polveri ad umido) nell’impianto Chelati per ottenere una migliore filtrazione delle polveri e ridurne la concentrazione in atmosfera, nonché una maggiore affidabilità dell’impianto.
  • Installazione di una nuova linea di lavaggio nell’impianto dei Water Soluble Fertilizers volto a ridurre il consumo di liquidi e quindi la quantità di rifiuti liquidi da gestire a fine processo.
  • Ammodernamento della linea di produzione di Idrosolubili via implementazioni di dispositivi elettromeccanici per migliorare la sicurezza della linea. Il tutto è stato portato avanti insieme ad un programma di training e sensibilizzazione sul tema della sicurezza destinato agli operatori della linea.
  • Progetto Nuova viabilità, con l’obiettivo di ridurre l’indice di rischio dovuto alla movimentazione materiali ed alla viabilità dei mezzi all’interno dello stabilimento. L’indice di rischio è stato ridotto del 65%.
  • Altri investimenti sulla sicurezza dell’impianto, come l’apertura di una nuova via d’accesso all’area di carico dell’impianto fogliare, in sostituzione alla scala preesistente, per migliorare l’accessibilità degli operatori.

 

Grabi

Tra i principali interventi portati avanti nella sede di Grabi nel 2020 si segnalano:

  • L’acquisto di un dispositivo di miscelazione per polveri pericolose da destinare alla fabbricazione dei prodotti per la linea Biogas. In questo modo gli operatori non vengono a contatto con le polveri e l’emissione delle stesse nell’ambiente è evitata dalla presenza di filtri appositi.
  • L’acquisto di un aspiratore carrellato con filtro assoluto per le aspirazioni puntuali, da destinare ai lavori di confezionamento manuale.
  • L’istituzione di 2 nuove uscite di sicurezza all’interno dell’impianto.
  • La formazione di un dirigente per la sicurezza.

India

Tra i principali interventi portati a termine nel 2020 nello stabilimento di Pashamylaram si segnalano:

  • Nuovo sistema di abbattimento ad acqua (scrubber), volto ad abbassare il rilascio di polveri e composti organici volatili all’atmosfera, durante la produzione di biostimolanti liquidi.
  • Nuovo sistema antincendio, dotato di gruppo pompe di rilancio acqua, impianto a diluvio all’interno delle aree produttive ed all’interno degli uffici, rilevatori di fumo ed allarmi.

Norvegia

 

Principali interventi portati avanti nel 2020 nel sito di Kristiansund:

  • L’installazione di una nuova caldaia a GPL dall’alta efficienza energetica.
  • La costruzione di una nuova camera per il compressore d’aria, isolata acusticamente così da ridurre il livello di rumore nell’impianto di produzione.

 

Principali interventi portati avanti nel 2020 nel sito di Brønnøysund:

  • Un generale miglioramento dell’efficienza dell’illuminazione grazie alla tecnologia a LED, con conseguente riduzione del consumo di energia.
  • L’isolamento dell’essiccatore per ridurre un consumo di energia del 15%, equivalente ad un risparmio di circa 94 tonnellate di CO2 all’anno.

Brasile

Nel 2020 presso lo stabilimento di Pirassununga sono stati portati a termine i seguenti interventi:

  • L’installazione di una nuova linea per acqua calda ottimizzata per ridurre il consumo di acqua durante il lavaggio dell’unità dei fertilizzanti idrosolubili.
  • L’installazione della nuova linea di produzione per Boroplus, per migliorare la qualità del prodotto, la facilità di impostazione del processo di confezionamento e la riduzione della quantità di acqua nella linea di lavaggio.
  • L’installazione di un argano per posizionare e rimuovere in sicurezza il tubo formatore.
  • L’adozione di migliorie relative alla sicurezza per gli operatori in fase di assemblaggio pallet di prodotti Idrosolubili.

 

Il nostro valore aggiunto

Il Valore Aggiunto sintetizza la capacità dell’azienda di produrre ricchezza per poi distribuirla ai vari stakeholder.

Le sue componenti fondamentali sono il Valore Economico Generato dalla gestione ordinaria dell’azienda e poi la ripartizione in termini di Valore economico distribuito e trattenuto.

La quota parte di Valore Economico Distribuito è ripartita tra i principali portatori di interesse: Fornitori, Dipendenti, Soci – Azionisti, Amministrazione Centrale, Collettività e ambiente. Il Valore Economico Trattenuto riguarda invece le rettifiche di valore, le imposte anticipate e differite, gli accantonamenti ai fondi e l’utile d’esercizio.

Valore economico in Milioni di euro di Valagro SpA

 

2018

2019

2020

Generato

96.703.770

95.855.515

103.219.019

Distribuito

84.528.279

88.938.566,96

88.054.820

Trattenuto

12.175.491

6.916.947,71

15.164.199

Ricavi
per area geografica

RICAVI PER AREA

2020

 Vs 2019

EMEA
 47.555
18%
AMERICAS
20.657
-3%
ASIA PACIFIC
21.427
9%

 

I nostri riconoscimenti

IFA Industry Stewardship Champion Award  

L’impegno di Valagro nel campo della Safety, Health and Environmental protection è stato riconosciuto nel 2020 dall’assegnazione della Medaglia d’Oro nel contesto della manifestazione “IFA’s Industry Stewardship Champion Award”.

La IFA, International Fertilizer Association, riconosce il titolo di Industry Stewardship Champion alle compagnie che hanno aderito ai più recenti parametri di Safety Performance, Environmental Performance ed Energy Efficiency e standard nell’Emissione di CO2, che sono inoltre certificate IFA Protect & Sustain, o in possesso di certificazioni riconosciute a livello internazionale come ISO, OHSAS, Responsible Care.

Il premio conferito a Valagro è il riconoscimento dell’impegno che l’azienda ha profuso nel rendere centrale, nella quotidianità, il tema delle performance ambientali e della sicurezza dei suoi dipendenti, a testimonianza di un percorso che mette al primo posto per importanza il mantenimento di un ambiente, lavorativo e non, salubre e sicuro.

 

L'impegno per le nostre persone

La nostra Cultura Aziendale e il Culture Roadshow

A seguito dell’evento con cui, nel 2019, sono stati presentati i nuovi Mission, Vision, Values e Culture aziendali, a febbraio 2020 ha preso il via il Valagro Culture Roadshow, un nuovo progetto internazionale dedicato alla condivisione della Valagro Culture con i nostri team di tutto il mondo. Attraverso una serie di appuntamenti, ciascuno in un Paese differente del Gruppo – dall’America all’Asia attraverso l’Europa, prima di persona e poi virtualmente – abbiamo percorso un viaggio entusiasmante, per condividere con genuinità i nostri valori, ciò in cui crediamo, quei comportamenti che ci identificano come Valagro People: come persone, cioè, che costruiscono relazioni basate sulla fiducia, che rendono vivo il potere della sinergia e della proattività per avere successo in ciò che fanno e progredire insieme nel “creare un futuro sostenibile per l’uomo e per l’ambiente”.

Man mano che questo appuntamento ha toccato le sue tappe, Paese dopo Paese, è stato rilasciato il Culture Handbook nelle sue traduzioni: un manuale in grado di aiutare le persone a scoprire la Cultura del nostro Gruppo. Racconti autentici delle persone in Valagro su sfide e successi piccoli e grandi, “esercizi” per fare pratica di azioni e comportamenti positivi – tutto con il fine di progredire insieme come un unico team con un grande scopo. Grazie al Culture Roadshow e al Culture Handbook, e attraverso le parole del nostro CEO, dei Country Manager e dei colleghi che condividono le loro storie in qualità di Culture Ambassadors, abbiamo colto l’occasione di coltivare lo stesso impegno e la stessa passione per l’innovazione che ci permettono di “sfidare quello che è stato già fatto”.

“La Cultura ci dà il coraggio di immaginare, il coraggio di sognare" (Giuseppe Natale, CEO)

La Valagro Corporate University sempre più dentro il digital 

La Valagro Corporate University, a partire dal suo lancio, ha promosso l’apprendimento in forma digitale - mettendo a disposizione sia piattaforme per l’apprendimento libero sia formule miste digitale/in presenza - e ha rappresentato il desidero di Valagro di diventare una “organizzazione fondata sull’apprendimento” (learning organization) in grado di evolvere e promuovere la sua stessa crescita.
La pandemia del 2020 ha accelerato il processo di distribuzione del sapere a livello mondiale, con un forte aumento della connessione globale. In Valagro, una gran parte della formazione è proseguita per via digitale, moltiplicando le partecipazioni, dando un forte sostegno morale e un messaggio di resilienza e, allo stesso tempo garantendo un ampio sviluppo di competenze trasversali attraverso il Gruppo. 

Il consolidamento delle pratiche gestionali

Nel corso del 2020, Valagro ha deciso di rendere più efficiente lo stile di lavoro all’interno del Gruppo grazie alla diffusione di una solida pratica condivisa di Project Management. Grazie al lavoro della Task Force creata allo scopo, è stato quindi definito il Valagro Project Management (PM) Standard, basato su un manuale e una serie di modelli a disposizione degli attuali e futuri Project Manager, nonché dei membri dei gruppi di lavoro. In più, nell’ambito della Valagro Corporate University, alcuni colleghi con diverse esperienze nel Project Management sono diventati facilitatori della diffusione dello standard Valagro, con l’obiettivo di favorire l’adozione di una mentalità data-driven e alla condivisione di linguaggio e strumenti di lavoro: tutto in accordo con la mentalità di continuo miglioramento coltivata in Valagro.

L’assistenza ai dipendenti durante la pandemia mondiale Covid-19

La salute ed il benessere delle proprie persone sono da sempre valori preminenti per Valagro Spa.

In un periodo particolarmente delicato e difficile come quello determinato dal diffondersi della pandemia da Covid 19, l’Azienda ha dimostrato ancora una volta la sua stretta vicinanza ai dipendenti ed alle loro famiglie, con un supporto concreto e tangibile.

Valagro, infatti, oltre alle misure di sicurezza adottate in tutti gli ambienti lavorativi, ha attivato una polizza assicurativa finalizzata a garantire tutti i dipendenti di Valagro S.p.A. e i loro nuclei familiari nel caso di contagio da Coronavirus.

Inoltre, nella consapevolezza che la maggior incidenza dei contagi del virus si verifica proprio all’interno dell’ambiente familiare, e con l’intento di sensibilizzare tutti all’osservanza di quei comportamenti che possono contribuire a rendere più efficace la prevenzione dal contagio, l’Azienda, da Novembre 2020 e fino al 31 Luglio 2021, ha messo a disposizione di ogni lavoratore n. 5 mascherine al mese (modello FFP2), da destinare al nucleo familiare. 

Il lancio della nuova Intranet aziendale MyValagro 

Il 2019 è stato l’anno di presentazione dei nuovi Mission, Vision, Values e Culture aziendali, e nel 2020 la diffusione della cultura Valagro è proseguita attraverso i Culture Roadshow. Ma non ci siamo fermati qui: lavorare in Valagro significa vivere Valagro ogni giorno, respirare i suoi valori e il suo modo di essere da ogni parte del mondo.

Per questo, nel 2020 è stata inaugurata la nuova Intranet MyValagro, non solo un mezzo operativo dalla grande utilità pratica, ma anche un vero e proprio punto di ingresso per la navigazione digitale del mondo e della cultura Valagro. La intranet, che contiene contenuti in lingua italiana e inglese, è stata pensata per essere un punto di riferimento per tutti i dipendenti nelle attività di tutti i giorni ed è integrata con alcuni applicativi esistenti nell’ottica di una gestione ottimale e personalizzabile delle necessità dei lavoratori.

I vari moduli implementati nella Intranet, tra cui la repository di procedure e documenti aziendali, la prenotazione del servizio mensa, l’helpdesk IT e il notiziario grafico del lunedì mattina (Monday Message), hanno risposto ad una necessità di gestione semplificata dei processi digitali, rafforzando al contempo il coinvolgimento dei propri collaboratori nella vita e cultura aziendale di Valagro in ogni angolo del mondo.

 

L'impegno per i nostri clienti

Valagro Academy

Valagro Academy è un programma pensato per condividere con i clienti Valagro le nostre competenze nel campo della nutrizione delle colture e dei biostimolanti, e per illustrare come le soluzioni Valagro possono migliorare le prestazioni delle colture a vantaggio dell’efficienza e della sostenibilità in agricoltura. Fin dalla sua fondazione nel 2016, le attività di formazione sono state condotte prevalentemente dal vivo, ma da febbraio 2020 (e per gran parte dell’anno) la formazione si è svolta prevalentemente online a causa della situazione di emergenza sanitaria mondiale.
Tra sessioni di formazione dedicate al team della rete vendita Valagro sul mondo della nutrizione vegetale e dei biostimolanti, ed eventi specifici incentrati sulle esigenze locali dei clienti, l’impegno del team Marketing e dei Market Development Managers di Valagro per garantire le attività di formazione e assistenza altamente qualificata della Academy è rimasto massimo anche a distanza.

Webinar internazionale sulle colture industriali

Nel 2020 Valagro ha organizzato il primo webinar internazionale dedicato alle colture industriali, con l’obiettivo di approfondire, insieme a ricercatori, tecnici ed agricoltori, il ruolo dei biostimolanti e delle soluzioni Valagro nella gestione di queste colture.
Il webinar, a cui hanno partecipato più di 250 persone da tutto il mondo, ha visto una discussione arricchita da ospiti di grande rilevanza nel mondo della ricerca agronomica internazionale, come il prof Prof. Paulo Sentelhas dalla University of São Paulo, il Prof. Fred Below, lecturer presso la University of Illinois, e Connor Sible, ricercatore presso lo stesso istituto.
Beneficiando del know-how di Valagro in merito all’individuazione di soluzioni ottimali su misura per il cliente, il webinar ha permesso di approfondire come i biostimolanti possano contribuire ad ottimizzare la gestione delle colture industriali, attraverso meccanismi quali riduzione dello stress ambientale, miglioramento della salute del suolo e migliore nutrizione delle piante, aiutando gli agricoltori ad ottenere raccolti più abbondanti con un più elevato ritorno di investimento.
 

 

L’impegno per la comunità

Il supporto al territorio durante l’emergenza Covid-19

Nella situazione di emergenza sanitaria che il mondo intero ha affrontato lo scorso anno, ogni contributo poteva fare la differenza, e Valagro non è rimasta da parte, dando dove possibile un sostegno concreto al territorio e alla comunità locale. 
Nel marzo 2020, Valagro ha effettuato una donazione di 100.000 euro alla ASL Lanciano-Vasto-Chieti per contribuire alla creazione di 60 nuovi posti letto nel reparto di Medicina e all’acquisto di 3 ventilatori polmonari. Inoltre, ha contribuito con una donazione di 25.000 euro alla campagna di raccolta fondi di solidarietà per il Coronavirus promossa da Confindustria Chieti Pescara. 

Le forniture di dispositivi di protezione Covid-19 ai lavoratori

Valagro Iberia, filiale del Gruppo Valagro, insieme ad alcuni membri di AEFA, Associazione Spagnola dei Produttori di Agronutrienti, si è unita ad una campagna di solidarietà in cui sono stati raccolti un totale di 90.000 euro destinati all’acquisto di dispositivi di protezione da destinare ai lavoratori stagionali attivi nel raccolto. Il materiale acquistato è stato prodotto dalla Fundación Laboral Santa Bárbara, il cui staff è composto da lavoratori con disabilità mentale, fisica o sensoriale.
 

 

La nostra Ricerca

 

Nell’anno 2020 le attività di ricerca sono progredite regolarmente, anche se nel pieno rispetto delle norme di sicurezza da parte dei ricercatori del team Global Research. Ciò ha permesso di continuare le attività di produzione di articoli scientifici e di deposito di brevetti, oltre che di comunicazione scientifica in modalità virtuale. 

Nell’ambito della ricerca, è proseguito l’impegno di Valagro nei due progetti “RECOVER” (per il recupero e la valorizzazione dei prodotti assorbenti per l’igiene, con l’obiettivo di produrre soluzioni nutrizionali per agricoltura) e "INNOPAQ - Innovazione sostenibile per le produzioni agroalimentari di qualità” (finalizzato allo studio e allo sviluppo di biostimolanti al fine di migliorare le caratteristiche di alcune colture tipiche del territorio), già entrati nel vivo nel corso del 2019. Allo stesso modo, continua l’attività di collaborazione con l’Università di Bari nell’ambito di un progetto di dottorato industriale per la valorizzazione della pianta acquatica Posidonia presente sui fondali del Mediterraneo. 

Il panorama dei progetti di ricerca a cui Valagro partecipa si arricchisce poi con la partenza del progetto Bicy – “Biostimulant increase crop yield”, che ha visto le sue fasi iniziali di coordinamento proprio nell’agosto 2020, e con l’avvio delle prime sinergie tra il gruppo di ricerca Valagro e quello di Syngenta in relazione a due campi di applicazione strategici: quello della biostimolazione (“crop enhancement”) e quello del biocontrollo. Attraverso delle “deep dives” a tema (scienza delle piante, microbiologia, patologia vegetale, tecnologie e modelli innovativi, ecc.), sono state analizzate, identificate e prioritizzate le opportunità progettuali e di sinergia del binomio Valagro-Syngenta. Il tutto, con il fine di soddisfare le esigenze dell’Agribusiness presenti e future alla luce dei cambiamenti climatici in atto.

Principali innovazioni tecnico-scientifiche

L’attenzione alla ricerca delle materie prime e alla loro ottimizzazione è stata centrale nel corso del 2020, con il team di Global Research impegnato in attività dedicate su entrambi i fronti.

Da una parte, sono stati definiti degli specifici progetti finalizzati allo scouting e screening delle materie prime da cui sviluppare nuovi prodotti che incontrino i bisogni di una agricoltura sostenibile. Dall’altra, si è lavorato alla valorizzazione delle materie prime utilizzate nell’impianto produttivo di Atessa, al fine di migliorarne l’impatto ambientale in un’ottica di economia circolare. Infine, il processo di estrazione delle alghe è stato modificato nell’ottica di una maggiore sostenibilità e reso meno impattante dal punto di vista energetico. 

Nell’unità Qualità, la gestione delle attività è stata migliorata grazie all’inaugurazione di un nuovo laboratorio dedicato al Controllo Qualità, che, essendo localizzato in prossimità degli impianti produttivi, permette al team di Global Research di garantire tempi di risposta brevi e in generale di migliorare il servizio di supporto.

 

Le linee guida G4 GRI

A partire dall’edizione edizione 2016 del Sustainability Report, abbiamo intrapreso un percorso di progressivo adeguamento agli standard internazionali dettati dal Global Reporting Initiative – GRI. Tale novità è parte integrante del nostro impegno verso la condivisione e la trasparenza, perché ci fornisce un supporto oggettivamente valido per relazionarci al meglio con tutta la comunità, come è nelle finalità di questo report: le linee guida G4 GRI ci aiutano a comunicare l’impatto delle attività aziendali dal punto di vista sociale, ambientale ed economico.

La scelta di questo standard nasce dalla volontà di dotarsi di uno strumento riconosciuto a livello internazionale che possegga al suo interno i caratteri specifici di comparabilità, accuratezza, chiarezza, tempestività e affidabilità.

Per evidenziare questo percorso, nella pubblicazione saranno espressamente indicati gli indicatori rendicontati dalle diverse funzioni aziendali sulla base della disponibilità delle informazioni richieste dallo standard.